Premio Palazzo Spinelli: edizioni precedenti

Premio 2018

Conservazione e Restauro: Ambasciatore della Corea del Sud S. E. Jonghyun. Per il suo impegno nella creazione di nuove collaborazioni a livello internazionale e la capacità di creare nuove sinergie tra la Corea del Sud e il resto del mondo; in particolar modo, per aver promosso la diffusione e l’utilizzo della preziosa carta Han-gi nel settore del restauro del materiale cartaceo.

Valorizzazione del Patrimonio Culturale: Mediolanum Banca - Agenzia di Firenze. Per la preziosa opera di sostegno alle iniziative di valorizzazione del nostro inestimabile patrimonio artistico – culturale. La sensibilità dimostrata dagli operatori dell’istituto bancario dimostra ancora di più quanto sia importante un’azione sinergica fra tutte le realtà operanti nel territorio.
Ricerca e Sviluppo di nuove tecnologie applicate ai beni culturali: Anna Pelagotti - Emanuela Massa - Art-Test. Per l’apporto dato alla ricerca in materia di monitoraggio e diagnostica e l’importante livello di innovazione che la loro partecipazione ha saputo offrire nell’ambito dell’International Conference Florence Heritech.
Educazione, Formazione e Trasferimento di conoscenze e competenze: Pier Luigi Sacco - docente di gestione dei beni culturali. Per il ruolo di primaria importanza che ricoprono i suoi insegnamenti nell’ambito della gestione dei beni culturali a livello nazionale ed internazionale e la grande rilevanza della sua attività in qualità di autore di articoli e pubblicazioni nel settore dell'arte e della cultura.  

Premio 2017

Conservazione e Restauro: Jennifer Celani e Fulvia Zeuli - Funzionarie Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Firenze.Per l'intensa attività di collaborazione con l'Istituto per l'Arte e il Restauro e la costante propositività mostrata nel settore della conservazione del patrimonio storico-artistico della città di Firenze grazie alle quali è stato possibile in questi anni portare a termine importanti interventi di recupero e di restauro.

Valorizzazione del Patrimonio Culturale: Fr. Antoine-Emmanuel - Priore Badia Fiorentina. Per l'impegno profuso nella valorizzazione della Badia Fiorentina, come luogo di culto e di bellezza per tutta la città di Firenze e per la grande sensibilità mostrata nel recupero e nel restauro del meraviglioso Chiostro degli Aranci. 

Ricerca e Sviluppo di nuove tecnologie applicate ai beni culturali: Alejandro Salvador Guevara Jaramillo - allievo corso triennale di restauro del materiale lapideo. Per i risultati ottenuti dalla ricerca e dall’applicazione di nuove metodologie d’intervento nella pulitura del materiale lapideo. In particolare attraverso una serie di test mai sperimentati prima d’ora per la riconversione delle macchie di biossido di piombo sul marmo riguardante il restauro del monumento funebre di Pasquale Villari presso il Cimitero Monumentale delle Porte Sante di Firenze.

Educazione, Formazione e Trasferimento di conoscenze e competenze: Antonella Brogi - docente di restauro del materiale cartaceo. Per l'altissimo livello qualitativo dimostrato nell'arco degli anni nell'insegnamento del restauro del materiale cartaceo all’interno dei corsi erogati dall'Istituto e per la professionalità mostrata nel trasferire agli allievi non solo le competenze e le conoscenze necessarie, ma anche la sua stessa passione. 

Premio 2016

Conservazione e Restauro: Ministria e Kulturës - Republika e Shqipërisë

Valorizzazione del Patrimonio Culturale: Padre Bernardo Benedetto Abate

Ricerca e Sviluppo di nuove tecnologie applicate ai beni culturali: Francesco Baudone

Educazione, Formazione e Trasferimento di conoscenze e competenze: Natalia Materassi

 

Premio 2015

Conservazione e Restauro:  Associazione Culturale Borgo Sant'Antonio Porta Pesa di Perugia. Per aver promosso l’iniziativa del progetto di recupero, restauro e valorizzazione del ciclo di affreschi settecenteschi di Francesco Appiani e Nicola Giuli dell’Oratorio di Sant’Antonio Abate a Perugia.

Valorizzazione del Patrimonio Culturale: Fondazione Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Per la sua continua opera di valorizzazione del nostro inestimabile patrimonio artistico – culturale. La presenza dall’Ente, nei gradi così come nei piccoli progetti, è significato di attenzione e fiducia verso le iniziative di qualità a favore dei Beni Culturali fiorentini.

Ricerca e Sviluppo  di nuove tecnologie applicate ai beni culturali: Philip Kron Morelli. Per la ricerca e le scoperte in materia di studio sulle possibilità di utilizzare il Funori come materiale da utilizzare in particolari condizioni sulle pitture murali. Seguendo i suggerimenti del Prof. Lalli e trovando spesso personalmente soluzioni innovative, Philip ha intrapreso questo “viaggio” con passione e determinazione. L’impegno e gli studi di Philip non si sono esauriti con il conseguimento del diploma rilasciato dall’Istituto per l’Arte ed il Restauro, egli continua a sviluppare idee, nemmeno fosse un vulcano in piena eruzione e a proporre nuove applicazioni che al momento sembrano aprire nuovi orizzonti all’applicazione di questo materiale.

Educazione, Formazione e Trasferimento di conoscenze e competenze:  Massimiliano Guetta.Per i risultati ottenuti grazie all’impegno profuso nel corso di quest’anno nella sua quotidiana attività di educazione e formazione degli studenti e nell’incrementazione delle loro capacità professionali.

Premio 2014

Conservazione e Restauro:  Companhia do Restauro, San Paolo, Brasile. Per l’impegno e la dedizione che da oltre 10 anni l’impresa sta svolgendo nel settore della conservazione e del restauro. In particolare essa si distingue per la consapevolezza ambientale nell’applicazioni di metodologie di restauro e per l’attenzione ai requisiti di sicurezza in cantiere.

Valorizzazione del Patrimonio Culturale: Museu a Ceu Aberto, San Paolo, Brasile. Per la sua missione democratica nell’educazione negli ambiti culturali, ambientali e sportivi. Si è distinta in particolare per il suo impegno nella responsabilità sociale connessa alla preservazione del patrimonio culturale e della sua diffusione nel territorio.

Ricerca e Sviluppo  di nuove tecnologie applicate ai beni culturali: Progetto IMAT. Per la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie legate alla conservazione dei materiali che ha visto la realizzazione di un sistema mobile di “tavola calda” mediante un lavoro di gruppo formato da un consorzio di aziende e con il contributo della Commissione Europea.

Educazione, Formazione e Trasferimento di conoscenze e competenze: Sig.ra Amabile Pacios, Brasilia, Brasil. Per l’impegno profuso nella educazione e nella formazione nell’ambito dei beni culturali e della loro conservazione e restauro.