MarTA – Museo Archeologico Nazionale Taranto

Sito web

www.museotaranto.beniculturali.it

Contatti

via Cavour, 10
74123 – Taranto ITALIA
Tel +39 099 4538639
Mail: man-ta@beniculturali.it

DIRETTORE
Eva Degl’Innocenti

MArTA - Past for Future
MArTA - MitoMania. Storie ritrovate di uomini ed eroi (10/04-10/11 2019)
MArTA - Promo del Museo Archeologico Nazionale di Taranto

Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto è un’eccellenza a livello italiano e mondiale per la sua capacità di raccontare attraverso i reperti la storia della città e del territorio, che ha inizio molti secoli prima della fondazione della colonia spartana alla fine dell’VIII sec. a.C. Dalle più antiche testimonianze della presenza dell’uomo, il percorso si snoda attraverso l’epoca arcaica, gli splendori della Taranto tardo-classica ed ellenistica, attestati dagli ori e dai ricchi corredi delle necropoli, per arrivare all’epoca romana e alle trasformazioni della città alto-medievale. Il MArTA affianca all’attività scientifica e di ricerca un’intensa attività di valorizzazione, didattica e formazione, destinata a coinvolgere le più diverse fasce di utenza, divenendo così un luogo inclusivo e aperto verso il mondo come il mare sul quale si affaccia la città di Taranto.

MArTA 3.0

Il progetto MArTA 3.0, finanziato nell’ambito del Programma Operativo Nazionale (PON) “Cultura e Sviluppo” per il periodo 2014-2020, cofinanziato dai fondi europei (FESR), si pone l’obiettivo generale di rinnovare, integrare ed estendere l’offerta culturale del Museo facendo uso delle più moderne tecnologie ICT ed erogando contenuti innovativi ed interattivi che prevedano il coinvolgimento emotivo e la partecipazione attiva e sociale del visitatore. Si è voluta considerare all’interno di tale fase anche la digitalizzazione delle opere del museo, con fotografie ad alta risoluzione e 3D, e l’inventario digitale in database appositamente progettato. Infine, in linea con il programma dell’Agenda Digitale Europea, si vuole rendere “aperti” i dati digitalizzati, strutturando un apposito database e pubblicandolo sul sito del MiBACT, i 40.000 reperti open data e open source digitalizzati.

Un altro degli aspetti di particolare innovatività del progetto è quello di aver creato all’interno dello stesso museo un Fab Lab, il MArTA Lab, ovvero un laboratorio di artigianato digitale dotato di stampanti e scanner 3D con particolare focus su attività legate all’archeologia e al patrimonio culturale in generale. Il Fab Lab, reso disponibile a visitatori, scolaresche e insegnanti, bambini e ragazzi, accessibile ai visitatori disabili, ma anche a privati o associazioni, è in grado di migliorare l’offerta scientifico-culturale offrendo laboratori e corsi di formazione, nonché di creare processi innovativi sul territorio.