Complesso Museale Palazzo Ducale Mantova

Sito web

www.mantovaducalebeniculturali.it

Contatti

Piazza Sordello, 40 - 46100 Mantova
tel. +39 0376 352100
email: pal-mn@beniculturali.it

DIRETTORE
Stefano L’Occaso

“Raffaello Trama e Ordito. Gli arazzi di Palazzo Ducale a Mantova”

Il video presenta la prima fase dei lavori di restauro che interesseranno 7 dei 9 arazzi del ciclo raffaellesco con le Storie dei Santi Pietro e Paolo parte delle collezioni di Palazzo Ducale. Introdotto dal funzionario storico dell’arte di Palazzo Ducale Michela Zurla e dalla restauratrice Tiziana Benzi, il restauro è stato finanziato con fondi del Comitato Raffaello 1520-2020 e il contributo della Fondazione Banca Agricola Mantovana. L'Opificio delle Pietre Dure di Firenze ha condotto uno studio preliminare alla progettazione dell'intervento di restauro.

Palazzo Ducale è un vasto palinsesto architettonico che occupa una superficie di circa 35.000 mq con oltre 950 ambienti. La storia dell'edificio coincide in buona misura con la fortuna della famiglia Gonzaga, che ne fece la propria residenza dal 1328 al 1707. Tra i capolavori custoditi tra le sue mura si possono citare il ciclo di affreschi eseguiti da Pisanello all’inizio del Quattrocento, la Camera Picta di Andrea Mantegna, capolavoro del Rinascimento, e i dipinti di Pieter Paul Rubens.

Raffaello. Trama e ordito. Gli arazzi di Palazzo Ducale a Mantova

Nell’ambito delle celebrazioni per il V centenario della scomparsa di Raffaello Sanzio, Palazzo Ducale ha avviato un importante intervento conservativo del ciclo di arazzi raffaelleschi con le Storie dei Santi Pietro e Paolo conservato a Palazzo Ducale che permetterà di recuperare una migliore leggibilità delle opere e di apprezzarne appieno l’altissima qualità e costituirà l’elemento centrale della mostra, che prevede inoltre l’esposizione di una serie di documenti legati alla storia del ciclo. In via del tutto eccezionale sarà possibile assistere dal vivo alle varie fasi dei lavori di restauro che saranno svolti attraverso un cantiere “aperto”.